STUFA E CAMINETTI: la presa d'aria esterna. New Page 12

 

PRESA D'ARIA ESTERNA PER STUFE E CAMINETTI:

la presa d'aria comburente esterna è obbligatoria per legge, per il corretto funzionamento della stufa e per la sicurezza delle persone.

 

 

PRESA D'ARIA ESTERNA per stufe e caminetti

 

Occorre sempre consultare un termotecnico che vi aggiorni sulle regole di legge per la presa d'aria esterna!

 I consigli e le idee seguenti non sostituiscono il consulto tecnico specialistico!

 

La presa d'aria esterna è un'apertura di sezione adeguata che permette la libera entrata d'aria dall'esterno dell'abitazione. E' obbligatoria per legge. E' necessaria al corretto funzionamento della stufa e del caminetto ed è importantissima per ottenere una buona combustione e non rischiare pericolose emissioni di monossido di carbonio e fumi nell'abitazione.

 

IMMAGINE: si può notare in figura che l'aria prima di entrare nella stufa diviene aria ambientale riscaldandosi e ricambiando quella viziata dell'ambiente. Il continuo ricambio d'aria sfavorisce l'accumulo di umidità e muffe nell'appartamento. L'aria che aspira la stufa entra già a 20°C quindi non tende ad abbassare troppo la temperatura di combustione seppure causa una minuscola perdita termica.

 

I focolari moderni in realtà riducono notevolmente il fabbisogno d'aria comburente.

L'ingresso d'aria fresca dalla presa è quindi moderata e non si abbassa troppo la temperatura dei fumi (diluendoli con aria ambientale). Si mantiene un volume dei fumi ridotto richiedendo sezioni inferiori della canna fumaria e migliorando il tiraggio naturale.

Il ridotto consumo d'aria comburente permette di mantenere temperature maggiori all'interno del focolare garantendo migliore combustione, migliore scambio termico e quindi miglior rendimento. La ridotta richiesta d'aria riduce anche la sezione della presa d'aria esterna.

 

 

PERCHE' E' INDISPENSABILE LA PRESA D'ARIA ESTERNA:

 

La presa d'aria esterna è necessaria a permettere il tiraggio della canna fumaria!

L'aria (fumi) che ad opera del tiraggio naturale viene espulsa dall'abitazione tramite la canna fumaria, dev'esser rimpiazzata da altra aria che entra nell'abitazione. Nel caso ciò non avvenisse si creerebbe una depressione interna alla casa che impedirebbe il tiraggio, impedirebbe la buona combustione e l'uscita dei fumi tenderebbe ad avvenire dalle fessure della stufa internamente alla casa più che dal comignolo. Questa condizione metterebbe gli occupanti della casa in serio pericolo di vita e d'intossicazione.

 

Se la casa fosse ben ermetica grazie a buoni infissi di recente fattura, certamente si rischierebbe di non riuscire neppure ad accendere il fuoco senza riempirsi la casa di fumo.

Se la casa è solamente semi-ermetica a causa di vecchi infissi che permettono la trafilatura d'aria, magari si riuscirà a permettere un tiraggio appena sufficiente che potrebbe però divenire improvvisamente insufficiente e quindi pericoloso al variare ad esempio delle condizioni di pressione atmosferica.

In questo caso potrebbe avvenire l'uscita di fumi e del pericoloso monossido di carbonio nell'abitazione (consultare la sezione sulla sicurezza).

 

Se la casa fosse un colabrodo di fessure il tiraggio potrebbe essere decisamente adeguato ma la chiusura di porte interne, potrebbe non garantire più l'accesso alla stufa della giusta quantità d'aria.

 

Per legge è necessario provvedere all'adeguata apertura verso l'esterno. Solo l'apertura di legge garantisce con sicurezza di dimensionare in maniera precisa e corretta la sezione della presa d'aria esterna per il caminetto o per la stufa. Nei prodotti moderni d'alto livello è sempre più indicata l'installazione con presa aria esterna canalizzata direttamente nel focolare.

 

 

PERCHE' NON FUNZIONA UNA PRESA D'ARIA "INTERNA":

 

la prima figura indica una situazione pericolosa e vietata dalla legge . La depressione che si creerebbe accendendo la stufa impedirebbe il buon tiraggio della canna fumaria.

 

Nel secondo caso avendo creato correttamente le due aperture, una interna ed una esterna, la stufa non produrrà depressione ambientale e funzionerà correttamente!

 

SOLO UN INSTALLATORE ABILITATO PUO' DARE INFORMAZIONI PER LA CORRETTA INSTALAZIONE

DI CANNA FUMARIA E PRESA D'ARIA ESTERNA.

 

Una presa d'aria interna non funziona! Solamente l'ingresso d'aria esterna permette che la casa non vada in depressione atmosferica e che quindi non vengano impediti il tiraggio e la fuoriuscita all'esterno dei fumi derivanti dalla combustione.

Poniamo che non si possa fare una presa d'aria esterna nel locale dove è installata la stufa o il caminetto ad esempio perchè esso è posizionato in un disimpegno centrale che non vede sbocco verso l'esterno ma solamente verso altri locali interni.

Occorre in questo caso prevedere un tubo di adeguata sezione che possa mettere il disimpegno in comunicazione diretta con l'esterno. Il tubo potrebbe anche andare all'esterno verso il piano sottostante, purchè esso sia poi aperto verso l'esterno.

 

In alternativa ma sempre domandando prima al termotecnico se è legalmente realizzabile, si potrebbe provvedere ad un'apertura dal disimpegno ad un locale interno attiguo e poi un'apertura da questo secondo locale verso l'esterno... l'apertura interna sarebbe in questo caso necessaria perchè, se venisse chiusa la porta di comunicazione tra il disimpegno ed il locale attiguo che dà verso l'esterno si creerebbe nuovamente una condizione pericolosa di depressione (consultare la sezione sulla sicurezza).

 

DOVE POSIZIONARE LA PRESA D'ARIA ESTERNA:

 

In questa figura la posizione della presa d'aria esterna è concordante con la direzione del vento.

Si osservi che la pressione del vento, in questo caso spinge per entrare direttamente nella presa d'aria, quindi "spinge per entrare nella stufa ed uscire dalla canna fumaria" accentuando il tiraggio.

 

La presa d'aria esterna va fatta direttamente nel locale ove si trova la stufa od il caminetto.

La presa d'aria deve permettere la diretta comunicazione del locale ove è installata la stufa con l'esterno.

Si possono sfruttare piccoli accorgimenti per favorire il tiraggio, tenendo conto della direzione del vento dominante nella nostra zona, al fine di sfruttarne la sua pressione di spinta a nostro vantaggio.

Le figure illustrano come sfruttare la pressione del vento, scegliendo al meglio la posizione della presa d'aria esterna al fine di migliorare il tiraggio naturale della canna fumaria.

 

 

La seconda figura illustra la stessa ipotetica abitazione con la presa d'aria esterna in posizione opposta alla direzione del vento.

 

In questo caso l'aria, non è sospinta dal vento dentro all'apertura, anzi, il vento tenderà ad "evitare" la presa d'aria che si troverà in situazione di depressione. Questo sfavorirà il buon tiraggio.

 

Un caminetto potrebbe venire costruito inserendo la presa d'aria esterna direttamente all'interno del rivestimento in modo da nasconderla e mascherarne l'esistenza ma vi sono margini di seri errori e la cosa va fatta con conoscenza... un buon tecnico realizzerà l'impianto ad arte!

 

Le normative vigenti impongono che la persona che effettua l'installazione sia abiliatata.

 

 

COME DIMENSIONARE LA PRESA D'ARIA ESTERNA:

 

La dimensione della presa d'aria esterna è definita dalle norme tecniche. Occorre informarsi tramite i tecnici abilitati.

Generalmente sulle istruzioni della stufa o dell'inserto per caminetto, viene scritto il diametro o la sezione necessaria della presa d'aria esterna.

Qui non forniamo dati perchè le norme possono variare ed il mancato aggiornamento del dato sul nostro sito potrebbe creare problemi.

 

VEDI: LA PRESA ARIA ESTERNA OPZIONALE REGENCY

 

STUFE E CAMINETTI CON PRESA D'ARIA ESTERNA DIRETTA CANALIZZATA:

 

L'aria che alimenta la fiamma normalmente viene aspirata dalla stanza tramite le feritoie della stufa, grazie al tiraggio della canna fumaria.

L'aria proviene dall'esterno, entra dalla presa d'aria esterna ma transita nella stanza prima di raggiungere la stufa.

La stufa quindi aspira aria calda dalla stanza la immette nel focolare alimentando la fiamma e la espelle con i fumi tramite la canna fumaria.

 

Alcuni costruttori di stufe e di cassette per caminetti hanno scelto una soluzione DIRETTA per garantire l'aria al focolare.

La presa d'aria comburente CANALIZZATA è un sistema indispensabile per le nuove abitazioni ermetiche a basso consumo energetico!

Nella figura si vede che la presa d'aria esterna entra direttamente dentro alla stufa senza far entrare aria fredda nel locale riscaldato. La stufa non preleverà aria riscaldata dall'ambiente. Nel complesso aumenterà la resa termica totale.

Alcuni costruttori hanno pensato di ridurre le perdite di calore dovute al fatto di prelevare aria calda ambientale per la combustione, realizzando un ingresso per l'aria comburente che possa essere direttamente canalizzato dall'esterno della casa alla stufa tramite un tubo.

 

Con questa soluzione si può mantenere la casa "ermetica" senza dover aprire la presa d'aria esterna che immette aria fredda nella casa. In effetti ci sono meno "perdite di calore" ed il rendimento totale migliora.

 

A mio avviso l'idea è interessante anche se noto due limiti che potrebbero diminuirne i pregi:

1) in questo caso occorrerà areare con la periodica apertura finestre i locali, per cambiare aria mentre il metodo classico di presa d'aria esterna genera lei stessa il ricambio d'aria ambientale.

2) se si hanno problemi d'umidità e muffe sui muri conviene mantenere il sistema classico di presa d'aria esterna perchè essa garantisce maggiore salubrità degli ambienti. Consultate la sezione sul Comfort per approfondimenti.

3) L'aria che entra nella stufa direttamente dall'esterno, essendo molto fredda, tende a diminuire la temperatura di combustione, raffreddando il focolare e rischiando di generare una combustione un po' meno completa.

 

 

 

A livello generale la presa aria esterna canalizzata è vantaggiosa sulla resa termica totale!

 

 

 

vedi anche: accendere stufa

 

CONSULENZACONTATTIACQUISTI

 

importatore esclusivo

CENTRO RISCALDAMENTO NATURALE di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a  info@stufefocolari.com

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano