COMBUSTIONE della LEGNA: generare calore dalla legna New Page 12

Le PAGINE TECNICHE spiegano come realizzare il sistema di RISCALDAMENTO NATURALE in casa vostra:

1- La legna è il combustibile naturale più economico.

2- Stufe speciali che restano accese 30 ore con una sola carica di legna scaldano case intere.

4- La stufa a lunga autonomia porta l'ESTATE in casa vostra riscaldandola con principi fisici naturali.

GENERARE CALORE:

LA COMBUSTIONE DELLA BIOMASSA / LEGNA

Per RISCALDAR CASA con efficacia e bassi consumi rispettando l'ecologia occorre sempre CONTARE SU UNA BUONA COMBUSTIONE del legno.

Bruciare legna genera sempre calore ma la BUONA COMBUSTIONE genera molto più calore della cattiva combustione e la BUONA COMBUSTIONE inquina molto meno della cattiva combustione.

Un kg di legna ben bruciato genera circa 4kw/h termici... ma un kg di legna mal combusto può generare anche solo 2kw/h d'energia termica... generare la metà del calore significa RADDOPPIARE I CONSUMI e RADDOPPIARE IL COSTO DI RISCALDAMENTO, raddoppiare le piante bruciate, raddoppiare la legna da spostare... e moltiplicare gli inquinanti immessi in atmosfera!

BRUCIAR BENE TI CONVIENE!

I refrattari completamente puliti sono un buon sintomo di combustione pulita ed efficace.

Bruciar male la legna genera poco calore e genera notevole inquinamento atmosferico, l'aria pulita oggi è un obiettivo Europeo importante e sempre più vincoli ecologici sono imposti alla combustione d'ogni tipologia... le normative impattano sia sulla circolazione automobilistica che sulle stufe a legna od altri generatori di calore.

PIU' ECOLOGIA = PIU' CALORE

La crescente attenzione per la salute del pianeta terra e gli obblighi legali impongono sistemi sempre più ecologici nella combustione del legname.

LA BUONA E LA CATTIVA COMBUSTIONE

La BUONA GENERAZIONE DI CALORE è il primo punto cardine per abbassare i consumi di legna, abbassare le emissioni inquinanti e rendere economico ed efficace il RISCALDAMENTO NATURALE delle abitazioni.

Per generare la massima quantità di calore con la combustione della legna occorre BRUCIARLA BENE, COMPLETAMENTE, EFFICACEMENTE.

Gli studi attuali ed i mezzi tecnici (strumenti di misura) hanno portato a definire il postulato per la buona combustione con le "3T DELLA COMBUSTIONE":

- TEMPERATURA nella camera di combustione che deve essere molto elevata

- TEMPI sufficienti di permanenza dei gas e particelle combustibili in camera di combustione

- TURBOLENZA che permette il rimescolamento degli elementi combustibili con l'ossigeno comburente affinchè s'incontrino generando ossidazione e sprigionando calore.

Il focolare della stufa o del caminetto a legna deve implementare accogimenti tecnologici che favoriscano le 3T DELLA COMBUSTIONE per permettere la maggior generazione di calore ed i minori consumi di legna!

l'immagine evidenzia una fiamma vivace e luminosa, evidenzia la buona ossigenazione, le elevate temperature di combustione... i refrattari sono completamente chiari ad indice che non si stanno formando composti incombusti, anche il vetro è totalmente pulito... dalla canna fumaria non si vede uscire fumo evidente... sono tutti ottimi indici d'eccellente qualità di combustione, la combustione rapida ed intensa è generalmente molto efficace.

Per individuare se stiamo ottenendo una buona combustione i segnali che possiamo osservare già ad occhio nudo sono:

1- fumosità assente o bassissima oppure limitata a tempi brevi solo dopo l'immissione di nuova legna nel focolare

2- fiamma chiara e trasparente

3- puntando una lampada/pila/luce nel focolare non si osserva fumo visibile

4- l'interno del focolare si sbianca e non manifesta zone annerite

5- il vetro resta pulito oppure si ripulisce durante la fase di combustione da eventuali depositi scuri precedenti

6- a fine anno il tecnico spazzacamino rileva che la canna ha accumulato scarsissimi depositi

7- la cenere prodotta è poca, fine e chiara

Con la TECNOLOGIA DI COMBUSTIONE TRADIZIONALE solo l'andatura RAPIDA è pienamente efficace ed ecologica, è l'unica a fornire ottimamente la combinazione delle 3T.

La combustione RAPIDA, INTENSA, ben ossigenata, procura generalmente le migliori condizioni per una buona combustione ed una totale generazione di calore ma causa il consumo rapido della legna immessa nel focolare ed occorre quindi poi provvedere ad alimentazioni frequenti della stufa... alimentare frequentemente la stufa è però fastidioso ed impossibile in caso d'assenza ad esempio nelle ore di sonno o lavorative.

La combustione tradizionale genera un eccesso di calore prodotto ed un rapido esaurirsi dello stesso.

Per compensare questi fattori sfavorevoli al riscaldamento continuo della casa si può optare per accorgmenti migliorativi quali ad esmpio l'accumulo del calore generato. Per accumulare il calore così rapidamente generato dalla combustione vivace si può usare la massa refrattaria oppure i puffer colmi d'acqua.

Il calore generato rapidamente ed intensamente dura poco tempo ed è persino eccessivo in alcuni casi e mal sopportabile. Accumulare questo calore invece d'immetterlo subito tutto in casa permette poi di emetterlo nel tempo con più regolarità.

L'accumulo nella massa refrattaria o nella pietra ollare genera però un rilascio tanto lento da limitare le potenze termiche a pochissimi kw... ne risulta poco calore emesso solo per irraggiamento diretto che è in grado di scaldare per lo più solo una stanza.

si osservi nell'immagine che la curva d'emissione termica grazie all'accumulo garantisce un calore più lungo nel tempo

MA essendo l'emissione termica esigua, intorno ai 2kw/h solamente, non può garantire il riscaldametno della casa intera.

L'accumulo in acqua permette invece di poter attingere con più intensità al calore stoccato e può anche essere utile a scaldare una casa intera, il limite dello stoccaggio in acqua riguarda le sicurezze per non mandare mai l'impianto oltre i 90°C poichè a 100°C l'acqua in ebollizione diviene pericolosa ed impianti di distribuzione costosi e complicati. Il limte di stoccaggio di soli 100°C rende necessari puffer di dimensioni molto molto grandi con spazi utili enormi da dedicare allo stoccaggio del calore.

 

IL SISTEMA IBRIDO DI MASSA:

Gli apparati di massa sono un settore di stufe a parte, queste stufe riescono ad ottenere la buona combustione tradizionale ad elevata andatura e riescono a cedere il calore più regolarmente ma non possono scaldare una casa intera perchè la loro cessione è di bassissima potenza ed è solo radiante... sono ottime per il riscaldamento continuo d'una sola stanza... per sopperire a tali carenze oggi sono disponibili sistemi IBRIDI di massa che hanno più intense cessioni di calore con buone caratteristiche convettive.


SISTEMI ALTERNATIVI DI COMBUSTIONE: Vi sono sistemi di combustione alternativi a quello tradizionale, ad esempio è risultata ottimamente ecologica la combustione a fiamma inversa detta anche a fiamma rovesciata. Anche qui però occorre osservare un'andatura di fiamma abbastanza elevata per una combustione pulita ed efficiente, questo sistema è ottimo se si sceglie d'accumulare il calore in acqua per termosifoni, noi attendiamo che in futuro possano uscire in produzione/commercio nuove tipologie di queste stufe e caminetti a fiamma inversa con differente sitema di stoccaggio e di regolazione d'andatura.

 

ULTERIORI SISTEMI ALTERNATIVI DI COMBUSTIONE: Il sistema di combustione Canadese Catalizzato giunge ai vertici della combustione ecologica grazie ad accorgimenti tecnici che oltre a pulire i fumi generano ulteriore calore ed hanno una combustione più prolungata e continua... possono restare accesi fino ad oltre 30 ore grazie ad un prolungato mantenimento del braciere attivo.


RIASSUMENDO:

la buona generazione di calore avviene solo con la buona combustione.

La buona combustione nelle STUFE A LEGNA TRADIZIONALI si ottiene con piccole e frequenti alimentazioni di legna e fuochi molto vivaci. Questo sistema permette un riscaldamento ecologico ma discontinuo a causa delle ore di sonno e delle assenze da casa ove non si può alimentar la fiamma... inoltre rende l'uso della stufa o del caminetto a legna abbastanza noioso e laborioso.

Per scaldare l'intera abitazione con una stufa a legna od un caminetto è invece necessario disporre di stufe e camintetti che abbiano una combustione più lenta e continua e permettano cariche sporadiche ma generose di legna pur mantenendo la stessa buona qualità di combustione e generazione di calore... per ottenere ciò servono apparati speciali con tecnologie maggiormente evolute di combustione. Il mantenimento lungo del braciere attivo è sempre utile.

VEDETE NEL DETTAGIO I SISTEMI DI COMBUSTIONE ed IL SISTEMA CANADESE

per consulenze gratuite sul vostro caso visitate questa pagina ed inviateci le informazioni richieste

BUON RISCALDAMENTO A TUTTI!

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a info@stufefocolari.com


di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

IMPORTATORE ESCLUSIVO PER L'ITALIA

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano