storia del fuoco, stufe e caminetti New Page 12

CONSULENZACONTATTIACQUISTI

CENNI STORICI SULL'USO DEL FUOCO

Dalla scoperta del fuoco l'uomo poté godere dei suoi vantaggi ma fu soggetto anche ai disagi ed ai pericoli ad esso legati: il fastidio del fumo, l'accensione, l'approvvigionamento di legname e combustibili, i pericoli di ustioni ed incendi, il monossido di carbonio...

Nei primi tempi il fuoco bruciava nell'antro del riparo, poi al centro di una capanna con un'apertura sul tetto che aiutava l'uscita del fumo e diminuiva il pericolo d'incendio perchè il fuoco era lontano dalle pareti in legno.

Era molto importante che il fuoco non si spegnesse mai a causa della difficoltà di accenderlo con i semplici strumenti della natura di cui si disponeva.

Ci sono testimonianze in grandi edifici Romani dove il camino aperto alimentato dalla legna era posto in un basso locale sotto al pavimento. Riscaldando il pavimento i grandi locali che erano costruiti sopra beneficiavano del suo irraggiamento. In più si avvalevano di canne fumarie e canali d'aria riscaldata (ipocausto) che passavano all'interno dei muri perimetrali riscaldandoli.

Nei locali abitati sovrastanti si godevano ottime temperature, l'aria non era mai intrisa di fumo e non c'era la sporcizia del legname e della cenere nelle stanze!

Con l'avvento delle costruzioni in pietra e mattone, si diffuse,  il camino aperto addossato od integrato nella parete ma il problema del fumo in casa, causato dalla non comprensione delle dinamiche che influenzavano il tiraggio della canna fumaria, rimase irrisolto.

 

Nel 1400 si trovano i primi esemplari di stufe murarie semi-chiuse derivate dal "forno del pane" che venne con apposite modifiche, utilizzato per riscaldare gli ambienti domestici. La massa d'accumulo del forno-stufa permetteva di mantenere stufa ed ambiente ben caldi per parecchie ore. Erano prodotti ad accumulo.

Questo sistema poteva però scaldare una sola stanza.

In Alto Adige nel castello di Merano, nel 1400 venne costruita una stufa ad accumulo di tipo Kachelhofen ("tegame - stufa" o "pignatta di terracotta - stufa" o "scodella - stufa").

Il suo nome deriva dall'abitudine d'inserire nella sua parte alta sezioni concave di pignatte di terracotta, probabilmente al fine di aumentarne la superficie di scambio termico e quindi la resa calorica.

Nel 1600 e soprattutto dopo il 1700 si applicarono le maioliche su queste stufe per renderle eleganti e raffinate.

Vennero anche organizzate delle panche attorno alla stufa per sedere al caldo.

Vennero poi create impalcature in legno che permettevano di mettere ad asciugare i panni e sorreggevano una lettiera sulla stufa dove potevano dormire al tepore gli anziani ed i bambini.

 

Sempre nel 1400, si iniziò ad avere nel camino aperto una piastra metallica sul fondo, in grado di irradiare il calore nella stanza retrostante.

 

Verso fine 1500 compaiono stufe aperte e bracieri in terracotta... oi bracieri potevano contenere

 

Solamente dopo il 1600 nascono il caminetto a convezione naturale e si iniziano a fare passi avanti nel risolvere alcuni problemi tecnici che causano fumo in stanza.

 

Sempre nel 1600, si iniziano ad unire le piastre metalliche creando le prime stufe in ghisa.

La stufa (Beileger) veniva incastrata nel muro ed aveva la bocca aperta per l'alimentazione del fuoco nella stanza accanto. Con questo semplice accorgimento si riuscivano a riscaldare 2 stanze con la stessa stufa relegando il problema dello sporco e dell'eventuale fumo solamente in una delle 2.

 

immagine: stufa -caminetto di Pensilvania (Franklin)

 

 

 

Dopo il 1700 si diffondono i caminetti aperti in lamiera (e non più in muratura) che aumentano l'irraggiamento termico e sfruttano la convezione naturale.stufa-caminetto di Benjamin Franklin, detta anche la stufa Franklin o stufa di Pensilvania.

 

antica stufa irraggiante (ISLANDA)

Solamente dopo il 1800 si riesce ad eliminare in modo efficace il fumo in stanza causato dai caminetti aperti e si inizia a sfruttare anche il carbone come combustibile. Per tutto il secolo si costruiscono affascinanti e raffinate stufe in muratura, coperte di maioliche, in stile impero (rotondeggianti ed alte).

 

Nel 1900 si diffonde il caminetto a convezione naturale ma si diffondono anche nuove tecniche metallurgiche che permettono la costruzione delle più efficienti STUFE chiuse a legna, a carbone e gas, utili anche per la cottura dei cibi.

Compaiono poi le finestrelle di mica che lasciano trasparire il colore della fiamma viva quasi come un vetro.

Le stufe metalliche acquistano maggiori valori estetici decorativi.

 

Ai giorni nostri la tecnica permette di non avere più problemi di fumo, stufe o camini sono semistagni con rendimenti termici eccezionali e  poche manutenzioni da fare!

 

L'avvento delle caldaie centralizzate a gasolio o gas completamente automatizzate, le esigenze di vita moderna, l'assenza della massaia che un tempo regnava in casa badando al  fuoco, hanno infine relegato il caminetto ad elemento puramente estetico e decorativo ma negli ultimi tempi con l'aumento notevole dei costi dei combustibili fossili, con la migliore coscienza ecologica, con il gusto del ritorno alle belle cose, si sta riscoprendo il piacere del focolare in casa!

 

Nei tempi moderni il boom nella combustione della biomassa è avvenuta con i sistemi automatizzati a pellet... ora sono giunte nuove innovazioni che hanno creato tecnologie efficaci legate alla combustione lenta del legname. Sono state create nuove stufe a legna con lunga autonomia della combustione (oggi fino a 40 ore di calore e fiamma) e la gestione termica è diventata coerente con le esigenze moderne.

CON LA LEGNA OGGI SI REALIZZANO LE AUTONOMIE D'UNA STUFA A PELLET

 IN ASSENZA D'AUTOMATISMI SOGGETTI AD INCEPPAMENTI E GUASTI PER USURA,

IN ASSENZA DI CONSUMI ELETTRICI,

CON SENSIBILI RISPARMI SULL'ACQUISTO DEL COMBUSTIBILE... IL LEGNAME COSTA MENO DEL PELLET !

 

Blaze king non solamente eguaglia ma per alcuni aspetti supera le stufe ed i caminetti a pellet!

Blaze King ha realizzato 4 taglie di prodotti per ogni esigenza ed ogni abitazione:

STUFE CON OLTRE 40 ORE D'AUTONOMIA: CARICA DI LEGNAME MAGGIORATA, EMISSIONE DEL CALORE COSTANTE,

ADATTO A RISCALDAMENTO D'ABITAZIONI INTIERE

nessun concorrente ha simili prestazioni


Il sig. CARLO ci informa che all'ARSENALE di Venezia c'è uno storico FORNO a legna di 4 metri di diametro ancora funzionante che si utilizzava per sfornare il celebre PAN BISCOTTO denominato BUZZOLA'


 

 

CAMINETTI E STUFE CON 30 ORE D'AUTONOMIA:

COMBUSTIONE EVOLUTA, RECUPERO E DISTRIBUZIONE CAPILLARE DEL CALORE,

ADATTO A RISCALDAMENTO DI INTERE ABITAZIONI,

PRODUZIONE ACQUA CALDA,

POTENZE FINO A 40kw/h,

nessun concorrente ha simili prestazioni

 

VISITA IL NOSTRO NEGOZIO di STUFE A LEGNA VERAMENTE ADATTE PER LUNGA AUTONOMIA !

 

vedi anche:   CANNA FUMARIA

 

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a info@stufefocolari.com


di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

IMPORTATORE ESCLUSIVO PER L'ITALIA

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano