LA COMBUSTIONE DELLA SEGATURA E BIOMASSE A PICCOLA PEZZATURA New Page 12

CONSULENZACONTATTIACQUISTI

BRUCIARE SEGATURA NELLA STUFA:

I COMBUSTIBILI DI RECUPERO DEVONO ESSERE DI ORIGINE ASSOLUTAMENTE PULITA, PURA, NATURALE E NON TRATTATA PER NON CREARE DANNO A STUFA E CANNA FUMARIA E PER NON INQUINARE GRAVEMENTE L'ATMOSFERA.

LA SEGATURA:

l'utilizzo di segatura pura, di recupero da segherie e falegnamerie, può rappresentare un'importante fonte di sfruttamento di risorse altrimenti sprecate.

Premesso che la risorsa dev'essere priva di collanti od altri composti differenti dal legname, vediamo come si possa bruciare la segatura nelle nostre stufe.

La segatura non brucia adeguatamente nei focolari comuni perchè SOFFOCA IL FUOCO.

Le stufe comuni tendono a non bruciare in maniera adeguata la segatura perchè essa, versata sulle braci roventi, tende a tappare la grata inferiore ed impedire all'aria comburente di passare, di raggiungere i gas infiammabili nella parte alta del focolare ed incendiarli.

Per poter bruciare in maniera adeguata la segatura si potrebbe comprimerla e costruire dei tronchetti ma essa tenderebbe comunque a sbriciolarsi nella combustione e soffocare il fuoco.

Per un'ottimale combustione della segatura occorre utilizzare apparati adatti!

 

La combustione può migliorare con apparati che non facciano arrivare aria comburente dal basso bensì dall'alto, così la segatura può bruciare adeguatamente "dall'alto senza soffocare il fuoco". Con tale strategia i gas che si sprigioneranno dalla segatura riceveranno ossigeno ed entreranno in perfetta combustione con sviluppo di fiamma e di calore.

 

L'apparato ideale per la combustione della segatura preferirebbe l'assenza della grata inferiore per evitar di scivolare giù nel cassetto cenere... poi necessiterebbe d'un focolare molto profondo dove poter inserire una quantità significativa di segatura senza ostruire l'arrivo dell'aria dall'alto e senza che la segatura possa tendere a fuoriuscire dal focolare ad ogni inserimento. Un focolare profondo garantirà minore frequenza di carico. Un altro aspetto da osservare è quello dell'aria comburente che dovrà avere un buon controllo della fiamma ed essere preferibilmente pre-riscalata.

La segatura, al pari del legname, dovrà essere essicata per assicurare combustione ottimale.

 

I focolari più evoluti per la combustione del legname, costituiti con ampia profondità ed arrivo aria dall'alto, potrebbero meglio adattarsi a bruciare la segatura, ancor più se dotati di catalizzatore di post combustione.

 

 

ALTRA BIOMASSA DI RECUPERO:

ogni combustibile legnoso deve sempre necessariamente essere puro, non trattato e d'origine e tipo conforme all'uso della stufa ed alle norme antinquinamento.

Ogni combustibile legnoso dev'esser ben secco!

A titolo d'esempio si potrebbero recuperare i gusci di noce, nocciola e mandorla che similmente al legname hanno forte potere calorifico ed altrimenti andrebbero persi senza utilizzo razionale.

 

Le foglie secche potrebbero anch'esse rappresentare un combustibile legnoso di recupero.

 

Tutti i combustibili di piccola pezzatura tendono a non bruciare adeguatamente bene in comuni stufe e caminetti che necessitano del passaggio d'aria comburente attraverso la grata areata... occorre sempre valutare che l'apparato di combustione sia adatto per il compito richiesto!

 

Il recupero di risorse derivanti da lavorazioni di prodotti naturali (che andrebbero altrimenti "sprecate")

è prezioso ma segnaliamo che ogni risorsa tolta dal ciclo della natura

in realtà potrebbe alterare i preziosi equilibri naturali.

Ad esempio erba e foglie una volta seccati in terra

 apportano al suolo preziose sostanze.

Se noi diventiamo tanto voraci da bruciar ogni combustibile naturale,

 infine faremo danni come li stiamo facendo con il pertrolio...

il buonsenso ci deve sempre accompagnare!

 

ALCUNE TIPOLOGIE D'APPARATI PIROLITICI PARREBBERO POTER FORNIRE OTTIME COMBUSTIONI ANCHE DELLA SEGATURA!

 

Vedi anche RISCALDAMENTO a BIOMASSA

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a info@stufefocolari.com


di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

IMPORTATORE ESCLUSIVO PER L'ITALIA

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano