stagionare ed essicare bene la legna da ardere New Page 12

Le PAGINE TECNICHE spiegano come realizzare il sistema di RISCALDAMENTO NATURALE in casa vostra:

1- La legna è il combustibile naturale più economico.

2- Stufe speciali che restano accese 30 ore con una sola carica di legna scaldano case intere.

4- La stufa a lunga autonomia porta l'ESTATE in casa vostra riscaldandola con principi fisici naturali.

SUGGERIMENTI PER LA CORRETTA STAGIONATURA ED ESSICAZIONE DEL LEGNO

cosa, perché, come, i migliori consigli

COSA E' IL LEGNO STAGIONATO?
Il legno stagionato è il legno tagiato e spaccato che è stato immagazzinato ed essiccato per un'intera stagione al coperto dalle intemperie ma in area con libera ventilazione.

La stagionatura del legno, riduce il contenuto d’umidità rendendolo perfetto per la combustione in una stufa, inserto o camino a legna.

Un buon obiettivo da raggiungere per il contenuto di umidità della legna da ardere è del 15%.

PERCHE' BISOGNA STAGIONARE ED ESSICARE BENE IL LEGNO?
La combustione della legna con un contenuto d’umidità più elevato comporterà un aumento del consumo di combustibile della stufa a legna, una riduzione del calore emesso (kw/h) e un aumento del livello di emissioni inquinanti e della formazione di creosoto in canna fumaria.

Se il contenuto d’umidità è superiore al 35% può addirittura danneggiare la stufa od il caminetto.

 

COME SAPERE SE IL TUO LEGNO E' STAGIONATO CORRETTAMENTE?

Il legno appena tagliato avrà un contenuto d’umidità tra il 60 e l'80%.

Dovrebbero essere necessari dai 12 ai 36 mesi per portare il legno al livello di umidità adeguato del 15%.

I seguenti segni sono buoni modi per capire se il tuo legno è correttamente stagionato:

 



1. Il colore si attenua
Con l'invecchiamento, il legno perderà il suo colore e diventerà sempre più pallido o più grigio. Più pallido è il legno più significa che è stato stagionato per lungo tempo.

2. Dimensione dei pezzi
Più grande è un pezzo di legno, più tempo dovrà stagionare. Pezzi molto grandi richiedono 36 mesi mentre i pezzi piccoli saranno essicati a dovere in soli 12 mesi. Quando si impila ed accatasta il legno assicuraratevi che sia adeguatamente ventilato e lasciate spazio tra un ciocco e l’altro affinchèl’aria possa filtrare liberamente.

3. Peso e durezza
Quando il legno si asciuga perde umidità e quindi peso. Di conseguenza diventa anche più leggero. Il legno adeguatamente stagionato sembrerà più leggero.

4. Corteccia scrostata
Quando il legno è molto secco, la corteccia tende a sbucciarsi, a cadere o a seccarsi. Se al legno mancano grossi pezzi di corteccia molto probabilmente è ben stagionato.

5. Spaccatura / cracking
Oltre alla corteccia che cade dal legno ben stagionato, il legno secco tende a presentare numerose crepe.

6. Suono compendolo
Quando colpisci due pezzi di legno secco insieme sentirai un bel suono ma quando viene colpito il legno bagnato si ottiene un suono sordo.

TEST DIVISIONE: prova semplicemente a dividere un pezzo di legna - se il legno appare asciutto al centro è stato ben stagionato. Per una lettura accurata tuttavia prova ad acquistare e utilizzare un misuratore d’umidità.

Qual è l'importanza di stagionare correttamente il legno?
La corretta stagionatura della legna consente di migliorare al massimo l'efficienza di stufe e caminetti, permette d’aumentare la potenza termica e soprattutto evita potenziali danni all'unità di combustione. L'alto contenuto d’umidità può causare l'accumulo rapido di creosoto nella canna fumaria.

Suggerimenti per essicare efficacemente il tuo legno:

1. Dividere il legno in pezzi gestibili
Più piccolo è il legno, più veloce sarà la stagionatura. Dividendo i grandi tronchi in pezzi più piccoli è possibile essicare il legno più velocemente.

2. Conservare all'asciutto e lontano dalle intemperie
Mantieni il tuo legno asciutto e lontano dalle intemperie il più possibile impilandolo sotto una tettoia o sotto un riparo.

3. Tempo, tempo, tempo
Prova a pianificare in anticipo 12-18 mesi di stagionatura. Donando al tuo legno il tempo per asciugare ti gioverà in minori consumi e donando ancora più tempo fino a 24 – 36 mesi avrai anche la posibilità di spaccare cisocchi più grossi.

4. Garantire un buon flusso d'aria
Impilare il legno per consentire all'aria di muoversi e fluire attorno ad esso. Maggiore è il flusso d'aria meglio è. Prova ad accatastare il legno sopraelevandolo sopra un pallet ed esegui delle variazioni mettendo pezzi alternati sfalsati per mantenere spazio libero per favorire la stagionatura.

5. FIFO - First In First Out
Utilizza sempre il legno più vecchio per primo e lascia che il legno più giovane abbia il giusto tempo per asciugarsi !

per consulenze gratuite sul vostro caso visitate questa pagina ed inviateci le informazioni richieste

BUON RISCALDAMENTO A TUTTI!

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a info@stufefocolari.com


di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

IMPORTATORE ESCLUSIVO PER L'ITALIA

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano