DIFFUSIONE DEL CALORE STUFA PER IRRAGGIAMENTO New Page 12

Le PAGINE TECNICHE spiegano come realizzare il sistema di RISCALDAMENTO NATURALE in casa vostra:

1- La legna è il combustibile naturale più economico.

2- Stufe speciali che restano accese 30 ore con una sola carica di legna scaldano case intere.

4- La stufa a lunga autonomia porta l'ESTATE in casa vostra riscaldandola con principi fisici naturali.

La diffusione del calore tramite convezione ed irraggiamento con stufe e caminetti da riscaldamento:

NUOVA TECNOLOGIA tripla combustione  CASCADES MOUNTAINS-SERIES

sintesi:

FATTORI CHE INFLUENZANO LA TEMPERATURA AMBIENTALE

  distanza dalla fonte di calore

 

  muri delle stanze

 

  coibentazione muri esterni

 

  altezza soffitti

ESEMPI DIFFUSIONE CALORE

1) stufa più convettiva e dolcemente irraggiante

 

2) stufa meno convettiva e maggiormente radiante

 

3) stufa solo radiante

CONCLUSIONI

 

approfondimenti: 

Occorre osservare come ogni situazione strutturale della casa, richieda una specifica tipologia e posizione della stufa o del caminetto, di irraggiamento maggiore in certe situazioni e di irraggiamento dolce in altre... di convezione spiccata quasi sempre.

Ora voglio tracciare una serie di esempi pratici, che possano indicare il risultato termico in termini di calore percepito nei vari ambienti.

Gli esempi sono assolutamente indicativi, si tratta di esempi di massima, che possono variare in base a numerosi fattori ambientali e strutturali... ottimizzando bene tutte le risorse, si possono raggiungere anche risultati migliori rispetto a quelli da me indicati... preferisco indicare valori medi, in quanto non sempre è possibile raggiungere i migliori risultati.

La diffusione del calore per irraggiamento avviene in tutte le direzioni, direttamente dall'apparato riscaldante verso l'ambiente.

La diffusione del calore per convezione naturale, avviene prima dal basso verso l'alto e poi in orizzontale verso gli ambienti meno caldi, riempiendoli di calore stratificato, dall'alto verso il basso.

Fattori che influenzano la temperatura ambientale:
1) distanza dalla fonte di calore.
2) presenza di muri che separano gli ambienti (fattore che influenza moltissimo la componente dell'irraggiamento ma limita poco la convezione)
3) grado di coibentazione dei muri esterni, che sono a contatto con bassissime temperature.
4) l'altezza dei soffitti influenza notevolmente il risultato nel riscaldamento d'un ambiente nel caso si utilizzi il sistema convettivo. Prendendo i tre metri di altezza come riferimento comune: sarà più semplice riscaldare case con soffitti più bassi e più difficoltoso riscaldare case con soffitti più alti, la buona coibentazione della casa, in particolare sul soffitto, puòa fornire soluzione a casi con coffitti alti. L'irraggiamento non è fortemente influenzato dall'altezza del soffitto.
Si noterà che la temperatura tende ad aumentare vicino alla fonte di calore e diminuire nelle altre stanze, soprattutto in prossimità dei muri esterni, se non ben isolati. Maggiore sarà l'isolamento e minore il salto termico in prossimità dei muri esterni.

esempio 1: stufa o caminetto maggiormente convettivi.

Nell'esempio sottostante rappresento a grandi linee gli effetti del riscaldamento d'una casa con una stufa a convezione naturale e contemporaneo irraggiamento dolce. Un effetto simile si raggiunge con un caminetto di simili caratteristiche. Se si aprirà una feritoia nella parte alta degli stipiti delle porte migliorerà l'uniformità delle temperature nelle varie stanze, altrimenti ci sarà maggiore salto termico. L'utilizzo delle feritoie se ben applicato, permette di calibrare meglio la diffusione ed ottenere ad esempio temperature inferiori nella zona notte e superiori in uno studio, nella zona giorno e nel bagno.
Per chi ama il bagno ben caldo può aiutare molto la diminuzione della protezione posteriore del muro, ciò al fine di farlo riscaldare e dare beneficio termico radiante diretto verso il bagno. Attenzione a non esagerare per non danneggiare il muro stesso con calore eccessivo. In alternativa basterà una stufetta elettrica da utilizzare al bisogno, il bagno viene utilizzato saltuariamente e non sono i brevi periodi d'uso a dar luogo a forti consumi di corrente elettrica.
 

Rappresentazione grafica:

In azzurro le temperature esterne.

nelle varie gradazioni di "rosato" le temperature interne.

esempio 3: stufa o caminetto solo radiante.

Nell'esempio sottostante rappresento a grandi linee gli effetti del riscaldamento d'una abitazione con stufa esclusivamente radiante.

Il salone avrà temperature eccellenti e grande comfort ma il calore non riuscirà ad oltrepassare i muri in maniera adeguata, mantenendo gelide le altre stanze.

Se si surriscaldasse il salone si potrebbe migliorare un poco la temperatura nelle altre stanze... ma il salone sarebbe decisamente troppo caldo per viverlo con piacere e le stanze attigure troppo fredde per percepire sensazione di comfort adeguato.

Rappresentazione grafica:

In azzurro le temperature esterne.

nelle varie gradazioni di "rosato" le temperature interne.

Conclusioni:

La diffusione del calore è soggetta alle leggi fisiche della natura.

Se si sceglie d'utilizzare il sistema di riscaldamento naturale è bene conoscerne le leggi al fine di ottimizzare gli effetti termici.

In questo modo riusciremo a sfruttare le leggi naturali a nostro vantaggio con risultati termici ottimali in tutte le stanze... questa è la bellezza di andare a braccetto con la natura, anziché contro-natura.

Il riscaldamento domestico che non tiene conto delle leggi naturali abbisogna di energia aggiuntiva, come ad esempio l'energia elettrica per il funzionamento di pompe e ventole e necessita d'impianti complicati e costosi.

Ogni volta che andiamo contro-natura è necessaria energia per "violare le leggi naturali".

SOLITAMENTE L'EMISSIONE MISTA CONVEZIONE + IRRAGGIAMENTO FORNISCE I MIGLIORI RISULTATI DI DIFFUSIONE TERMICA IN TUTTA LA CASA. 

per consulenze gratuite sul vostro caso visitate questa pagina ed inviateci le informazioni richieste

BUON RISCALDAMENTO A TUTTI!

AVVERTENZA LEGALE DM n.186, 7 novembre 2017: le stufe a legna vanno utilizzate come da certificazione (es.: prodotto 12 kw/h inserire 3.4kg legna all'ora con andatura elevata),

leggete attentamente il manuale Italiano fornito per acquisire le corrette indicazioni d'uso conformi al DM 186 per Italia/Europa.

RICHIEDETE SEMPRE il Manuale Italiano a info@stufefocolari.com


di Emiliano Squillari

str. Miravalle 17,  10024 - Moncalieri (TO) - Italy (visite su appuntamento)

mail :  info@stufefocolari.com

Telefono:  393 872 6192

P.IVA:  11309630017

IMPORTATORE ESCLUSIVO PER L'ITALIA

Testi, fotografie e gestione web di Emiliano Squillari (o su concessione autorizzata). E' vietata qualsiasi riproduzione senza autorizzazione.

Si declina ogni responsabilità per danni a persone o cose dovuti ad errata comprensione ed applicazione dei contenuti di questo sito.
Privacy    -    Informativa Cookies    -   
© 2009 Squillari Emiliano